SALENTO: 10 Scatti, 10 Porte

Sentirete spesso parlare nel mio blog di questa terra: il Salento, dove sono letteralmente precipitato più di trenta anni fa  per amore di una donna dalle tinte e dai sentimenti caldi e profumati come il pane appena sfornato, e da allora non me ne sono più separato.

Gruppo social Sandro Pertini

 

I commercianti

Innamorato di quei colori, di quei muri a secco, di quella pietra bianca, del mare cristallino, del sole cocente e delle strade assolate e deserte: in quelle ore dove il coprifuoco non è dichiarato ma imposto dalla natura.

Innamorato di quella terra rossa e riscaldato dal cuore di quella gente salentina, ospitale come tutti gli uomini e le donne delle terre al Sud di ogni latitudine; compreso accolto e coccolato.

Gruppo storico

Seduto intorno a qualunque  tavolo di legno, di marmo o plastica, che fosse campagna citta o mare, gente sempre gente sorridente che ti fa passare il tempo ed il tempo passa tra la gente, e non te ne accorgi.

In tempo di social potremmo dire affettuosamente il massimo della condivisione.

In un girovagare tra i tanti siti  del Salento, munito a volte della mia macchina fotografica, sono rimasto colpito nella cittadina di Nardò – ma non solo – dalla numerosità di Circoli, Associazioni, etc.

Sedi politiche, istituzionali, di incontro, di ritrovo, appunto di socializzazione.

La politica

 

I combattenti

 

In particolare ho scelto di fotografare le porte d’ingresso. Le porte perché la parola stessa spiega l’importanza del contesto, del messaggio che la porta chiude dietro di sé, ed il punto di ingresso che si deve passare per partecipare.

I finanzieri

Ne ho selezionate 10.

Ho scelto di ogni porta un segno particolare, che  rappresentasse il periodo storico attuale o passato o forse solo lo stato d’animo mio o di qualcuno che sedeva sull’uscio.

L’Arma

 

Il partito

 

Il Futuro

Dieci scatti di cui presto spero di realizzare una cartella di stampa in formato A3, su carta fotografica particolare e di farne dono ad alcuni amici salentini.

Questo articolo è stato pubblicato in Vedo. Salva il permalink.

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>