LE CARTOLINE: Un fascino Discreto Dimenticato

Deltiologia è il termine ufficiale che designa il collezionare (e lo studiare) le cartoline. Terzo hobby più diffuso dopo la collezione dei francobolli e delle monete, raccogliere cartoline può essere un passatempo molto remunerativo, il quale può essere rilevante in base alle proprie esigenze. Nella mia famiglia questo hpbby è stato sempre presente: a cominciare dal mio bisnonno Giandomenico Giubilei: nato a metà ‘800 a San Polo dei Cavalieri, titolare dell’ufficio postale, maestro di musica, poeta, creatore di anagrammi e cruciverba, sarto…collezionista. Erano anni in cui la cartolina era un media primario e coinvolgeva qualunque angolo del mondo. Molti personaggi importanti si sono dedicati ad essa, si racconta che la Regina Vittoria abbia posseduto una collezione personale di cartoline, dunque fu ed è certamente un passatempo tsnto autorevole quanto popolare.

Album di famiglia.

Nella soffitta di casa San Polo anni fa trovai un album un po’ malmesso, bellissimo, di grandi e particolari dimensioni, fatto amano e rilegato certamente a mano. A prima vista trascurato, ma aprendolo scorsi una grande quantità di cartoline, una più bella curiosa ed affascinante dell’altra e tutte ben conservate.

Successivamente mi preoccupai di “curare” la copertina” e di completare con una profonda ricerca una delle serie più belle presenti nell’album, quella dedicata al calendario del 1904: di ben centotredici anni addietro!.

Ma di questo ne scriverò in seguito.

Se hai intenzione quindi di fare qualcosa con le cartoline che hai in un cassetto o ti stai chiedendo se vale la pena o no acquistarle ogni volta che sei in viaggio o visiti un posto, magari la deltiologia ti aprirà le porte su un nuovo mondo del collezionismo. Come sempre ci sono alcuni punti di partenza principali per iniziare e continuare questo bell’hobby, ne citiamo 5:

Principali regole:

A. Stabilire la modalità di raccogliere e conservare cartoline: per periodi, per soggetti, per tipologia di stampa , di area geografica, per destinazioni turistiche, per passioni e temi strettamente personl etc

B. Individuare le date, i periodi delle realizzazioni delle cartoline attraverso sistemi intuitivi o deduttivi come l’analisi tecnico produttiva, dei soggetti stampati, del timbro postale, etc    

C. Analizza tutti i particolari delle tue cartoline e nello specifico lo stato di conservazione e qualità di stampa: quindi dai un voto ad ognuna così da assegnare un valore un prezzo ad ognuna.

E. Fai ricerca e selezione di dove trovare le cartoline: web con siti specializzati e non, negozi, tabaccai, mercatini, musei, librerie e poi in cantina, in soffitta, nei cassetti della nonna!

F. Impara ad archiviare ed a presentare al meglio la tua collezione, vanno bene buste e bustine ma meglio album o raccoglitori ad hoc.

Storia, 1918.
Donne, moda e bellezza, 1919-1922.
Satira politica,1914.
La comicità,1934.

In conclusione possiamo però dire, ma solo per ora, cerca o acquista e colleziona la cartolina che ti piace e custodiscila, alla fine avrai la tua collezione!

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>